Mobilità sostenibile: al via i progetti sperimentali casa-scuola casa-lavoro

Questa settimana, con il parere favorevole delle Commissioni Ambiente e Trasporti della Camera, è terminato l’iter in Parlamento del Decreto del Ministero dell’Ambiente con cui vengono ripartite le risorse stanziate per il Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro. 35 milioni di euro di incentivi che andranno a finanziare 37 progetti tesi a incentivare iniziative di mobilità sostenibile, come car-pooling e bike-sharing, in ambiti territoriali con più di 100.000 abitanti. É un importante segnale l’elevata partecipazione degli enti locali, testimoniata dal coinvolgimento di ben 483 realtà locali ai 114 progetti riguardanti prevalentemente le realtà del centro-nord. Infatti, i progetti presentati da enti locali siti nelle regioni meridionali sono stati 38 ossia il 33% sul totale.
Questa misura si é inserita nell’ambito di una politica di ampio respiro sulla sostenibilità ambientale che coinvolge anche la Strategia Energetica Nazionale di prossima emanazione, il libro bianco sulla mobilità sostenibile, il piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (pnire), la Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile, i piani urbani per la mobilitá sostenibile (PUMS) ed altri strumenti volti alla pianificazione a livello nazionale e locale di un sistema che integri politiche per la mobilità, per l’ambiente e per l’energia .
E quindi sono convinta che la green economy sia un settore su cui continuare a puntare con la forza e la capacità di investire maggiormente per creare un percorso di sviluppo economico e occupazionale che porti ad una razionalizzazione dei consumi e all’investimento in nuove tecnologie e, perché no, per consegnare ai nostri figli un mondo più sano.

Seguimi su Linkedin

Share This: