LOTTA CONTRAFFAZIONE: Firmata al CNAC la Carta Italia per la lotta alla contraffazione online e presentate le Linee Guida per il rafforzamento del contrasto sul territorio italiano

_RIC7406

Roma, 14 luglio 2015 – Firmata oggi dal Sottosegretario allo sviluppo economico e Presidente del Consiglio Nazionale Anticontraffazione (CNAC), Sen. Simona Vicari, la “Carta Italia per contrastare la contraffazione online”, accordo volontario tra i rappresentanti dei detentori dei marchi e i fornitori di contenuti online sulle procedure più efficaci per prevenire e reagire all’offerta contraffattiva su internet. Primi firmatari della Carta Italia sono stati Indicam e Netcomm, che hanno contribuito fattivamente alla sua redazione. Nei prossimi mesi il Consiglio e la Direzione Generale lotta alla contraffazione-UIBM del MiSE saranno impegnati a promuovere la Carta e ad allargare le adesioni degli operatori dell’online, delle associazioni imprenditoriali e delle associazioni dei consumatori.

La firma della Carta Italia è avvenuta nell’ambito della riunione del Consiglio che è stata densa di argomenti all’ordine del giorno. Il Presidente Vicari ha infatti illustrato anche le Linee Guida in materia di prevenzione e contrasto del fenomeno della contraffazione sul territorio, sottoscritte dal MiSE e dal Ministero dell’Interno il 26 giugno 2015. Si tratta di uno strumento che consente di sistematizzare e rendere più coerenti con gli indirizzi strategici del CNAC gli interventi di lotta alla contraffazione a livello locale. Punto focale dell’azione anticontraffazione sul territorio saranno i Prefetti che potranno avvalersi dello strumento del protocollo d’intesa con gli operatori dell’anticontraffazione locale per individuare le competenze specifiche e gli interventi mirati al territorio. Le Linee Guida individuano le aree d’intervento e prevedono meccanismi di feedback verso le amministrazioni centrali affinchè queste e il CNAC possano recepire le esigenze del territorio e orientare le strategie nazionali concordemente.

Altri argomenti all’ordine del giorno:

la firma di un protocollo MiSE-CIDEC (Confederazione di esercenti di attività commerciali e turistiche) per lanciare durante il periodo estivo la campagna “A dire il VERO: fattori di protezione dal Falso, sotto il sole”, III edizione della campagna “Legalità sotto l’ombrellone” condotta nelle principali località di interesse turistico del Paese;
approvazione di alcune proposte di modifica delle norme del Codice Penale riguardanti i reati di contraffazione per porre rimedio ad alcune incoerenze tra norme e rendere più efficaci alcune previsioni;
la presentazione della campagna di comunicazione “Io sono originale” finanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dalle associazioni che fanno parte del CNCU;
i prossimi eventi in ambito EXPO organizzati dalla Direzione Generale lotta alla contraffazione-UIBM sotto l’egida CNAC: un evento sulla tracciabilità nel contesto della lotta alla contraffazione in ambito agroalimentare (EXPO VENICE, 9 settembre 2015); un convegno di presentazione di una ricerca comparativa sulla normativa anticontraffazione nei paesi dell’area EUMED (EXPO Milano, 27 ottobre 2015); la presentazione della Guida Convey-Italia Oggi sulla contraffazione online, che ospita un contributo del Presidente CNAC ed uno del Direttore della DGLCUIBM.
Il Consiglio Nazionale Anticontraffazione (CNAC)

Previsto dall’art. 145 del Codice della Proprietà Industriale, il Consiglio Nazionale Anticontraffazione è operativo dal 2011. Esso ha sede presso il Ministero dello Sviluppo Economico e riunisce altri dieci ministeri (oltre allo Sviluppo Economico, i Ministeri dell’Economia e delle Finanze, della Giustizia, dell’Interno, della Difesa, delle Politiche Agricole, dei Beni Culturali, delle Politiche Sociali, degli Esteri, della Salute e della Funzione Pubblica) più l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI). Il CNAC assolve alla sua funzione di indirizzo, impulso e coordinamento strategico delle iniziative intraprese da ogni amministrazione in materia di lotta alla contraffazione definendo delle linee prioritarie di azione, supportato in questo, oltre che dai Membri, anche dai rappresentanti delle associazioni imprenditoriali, dei consumatori e delle forze dell’ordine.

Attuale Presidente CNAC è il Sottosegretario allo Sviluppo Economico, Sen. Simona Vicari, su delega del Ministro Guidi. La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione – UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico fornisce il servizio di Segretariato del Consiglio Nazionale Anticontraffazione, che ha sede a Roma, in Via Molise 19.

Per maggiori informazioni:

www.cnac.gov.it

cnac.segretariatogenerale@mise.gov.it
tel. 06-47055792

Share This: